sgonfiotti pasta cinese

Sgonfiotti di pasta cinese

Un’idea semplicissima per dare un tocco di originalità ai tuoi antipasti o ai tuoi contorni: gli sgonfiotti di pasta cinese.

Il tipo di impasto è molto simile a quello dei nostrani gnocchi fritti, con una leggera differenza: la mancanza di lievito. Gli ingredienti necessari per uno dei piatti emiliani più conosciuti ed apprezzati sono quelli del pane: farina, sale, olio, acqua e lievito. La procedura prevede un tempo di lievitazione della massa che varia da due a quattro ore, dopodiché è possibile procedere con la lavorazione della pasta e la cottura. Gli sgonfiotti di pasta cinese sono più rapidi proprio per la mancanza di lievito nell’ impasto che permette tempi di lavorazione quasi immediati e per questo ben si adattano ad essere una ricetta dell’ultimo minuto. Ti serviranno:

  • Farina bianca
  • Acqua tiepida
  • Sale fino

In una ciotola capiente inserisci la farina e il sale. Aggiungi l’acqua tiepida per aiutarti ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. La consistenza deve essere morbida ed elastica per permettere di tirare facilmente la pasta. Lascia riposare per mezzora coprendo la massa con della carta trasparente. Su un piano di lavoro liscio, spargi un po’ di farina e con l’aiuto di un mattarello stendi la pasta fino ad ottenere una sfoglia sottile e compatta. Taglia la sfoglia in quadrati di media dimensione. In una pentola alta fai scaldare abbondante olio per fritture e una volta raggiunta la temperatura ottimale friggi i quadrati di sfoglia pochi alla volta. La leggerezza dell’impasto privo di lievito li farà cuocere velocemente, pertanto meglio friggerne pochi alla volta. Disponili su carta assorbente e spolvera con del sale la superficie. Saranno croccanti e leggeri, un’ottima alternativa a pane o grissini per un aperitivo informale o da accompagnamento ad un piatto più ricco.Come il suo fratello maggiore italiano, lo sgonfiotto di pasta cinese è perfetto con salumi e formaggi e salse.

Qualche settimana fa l’ho utilizzato per accompagnare un contorno delizioso e semplice che ha trovato nuovo slancio proprio grazie a qualche piccolo sgonfiotto fritto. In un wok ho fatto stufare dell’indivia verde con due spicchi d’aglio, una manciata di uvetta e una di mandorle tostate. Ho insaporito con della salsa di soia dolce e qualche goccia di tabasco. Per ultimi ho aggiunto dei semi di zucca e di sesamo anch’ essi tostati in padella. I miei sgonfiotti di pasta cinese sono stati perfetti per accompagnare il piatto e la loro croccantezza si è sposata benissimo quella della verdura cotta velocemente a fuoco vivo.

0 comments on “Sgonfiotti di pasta cineseAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *